robe più o meno poetiche di Andrea Fabiani

mese Luglio 2014

Incontro #2

I nostri occhi si incontrano, tra il dondolio delle teste di tutti gli altri passeggeri. Si trovano, poi si perdono. Si cercano di nuovo. Mi guardi come si guarda qualcosa che si desidera, lo vedo, lo so. E poco importa… Continua a leggere →

L’individualista insicuro

Io appartengo a una minoranza composta da una sola persona: me. E di questa minoranza, composta da una sola persona, io non sono nemmeno il leader.

L’insoddisfatto

Giuseppe aveva un chiodo fisso: dimagrire Ciò che più di tutto voleva era ridursi, snellire Si sfiniva di diete, faceva sempre esercizio Contro ogni prudenza, o medicale giudizio Ma ogni chilo perso per lui non era abbastanza

Il pigro

Avevo voglia di scrivere qui qualcosa di affilato e intelligente, di usare parole che illuminassero come lampi, di disegnare concetti che abbellissero il mondo. Avevo voglia di essere caustico, e anche ironico, e anche profondo e brillante, di dire qualcosa… Continua a leggere →

Il filosofo scarso

Quando non ho voglia di fare una cosa non faccio qualla cosa. Faccio qualsiasi cosa tranne quella cosa Anche niente. Spesso niente. Mi sembra logico e semplice. Mi sembra un ottimo ragionamento. Ora però non ho voglia di far niente…… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 la fabbrica delle nuvole — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑