Come una piccola cicatrice

Pensi che non ti pensi
invece ti penso
forse meno di un tempo,
ma io ti penso
ancora
ogni volta
che mi ritrovo, stupito
a usare
un modo di dire
che non conoscevo
che sentivo
usare da te,
se faccio un gesto
inconscio, distratto,
che prima
non avevo mai fatto.
Pensi che non ti pensi
invece ti penso
forse meno di un tempo,
ma io ti penso
ancora, se mi sorprendo
intento
in qualche antiestetica idea
a pronunciare
una strana parola
che non mi appartiene – era tua
e che ormai
fa parte di me
come una piccola cicatrice.
Tu
sei una piccola cicatrice
quasi invisibile,
un segno indelebile.
Questo
insegna l’amore
anche se noi non vogliamo
ammetterlo, confessare:
ferire
è anche un modo
per legare qualcuno
a sé
per sempre.
Pensi che non ti pensi
invece ti penso.
forse meno di un tempo,
ma ancora ti penso.
Non smetterò mai.

af

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *