Facebook

E poi un giorno
quando saremo
ormai troppo distanti,
io tornerò
a guardarti il profilo
di Facebook. Tu
allora avrai
un’immagine nuova, sarai
passata attraverso
innumerevoli stati che io
non riuscirò a comprendere.
Ti piaceranno cose
che prima non ti piacevano
prenderai parte
a moltissimi eventi,
ad altri
ti interesserai soltanto,
avrai stretto amicizia
con amici nuovi
che io non conosco, abili
ben più di me
nel dedicarti poesie, tragici
aforismi di Fabio Volo,
immagini complici
complici tag, capaci
di legare per sempre
le loro vite alla tua. Io
allora farò
l’unica cosa
sensata da fare:
posterò
una canzone indie
banalmente struggente,
così che nessuno
possa capire che soffro,
ma tutti quanti
possano dire
che quel che provo
gli piace.

af

5 pensieri su “Facebook

  1. Se Le piace Fabio Volo, mollala sin d’ora così non ci pensi più. Parliamo di cose serie… esiste un libro di tuoi versi, dove lo trovo? La poesia contemporanea è morta, in te ha invece ancora guizzi di vita. 🙂

    • Ehm… non so bene cose dire. Forse solo grazie (ancora una volta) per le tue parole.
      Riguardo al libro, no, per ora no non esiste. Pubblicare poesie (dico pubblicarle veramente, dietro compenso, o acquisto di copie) non è così facile.
      Ma io non perdo la speranza 😉

      • Conosco le problematiche editoriali, ogni tanto però c’è qualcuno che la spunta. 🙂 .
        Leggo molto, anche nei vari gruppi, ma di rado trovo cose interessanti, quando capita mi fa piacere riconoscere i meriti e scoprire una voce che volentieri metterei nella mia libreria. Continua così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *