Questa mia lirica brutta

Vorrei dirti, mio amore,
Ti amo, e in un modo
Che faccia clamore.

In un modo mio nuovo
che lo spieghi per bene.
Adesso ci provo:

Ti amo, un poco di più
Di quant’abbia mai detto
Di amarmi tu.

Ti amo assai spesso,
Come un italiano
Ama l’espresso.

Ti amo ogni dì,
Come un bambino
Grasso ama un Buondì.

Ti amo abbastanza,
Come un ubriaco
Ama una sbronza.

Ti amo davvero tanto,
Come un mago
Ama il suo incanto.

Ti amo un casino,
Come un furfante
Ama il bottino.

Ti amo di brutto,
Come un tuttologo
Ama di tutto.

Ti amo da matti,
Come una donna
Single ama i suoi gatti.

Ti amo in ogni tua parte
come un baro
il suo mazzo di carte.

Ti amo in tua assenza,
Come un migrante
Calabro ama Cosenza.

Ti voglio, mio amore,
Come un sordo
Vorrebbe il rumore.

Ti amo tutta tutta,
Poiché tu ami perfino
Questa mia lirica brutta.

af

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *