robe più o meno poetiche di Andrea Fabiani

Tag la fabbrica delle nuvole

Pois

E sul mio cuore che ti ho fatto tenere in mano hai spento sigarette, perché dicevi di provare da sempre un amore sincero per le cose a pois af

Vecchio sorriso

Quando tornerai dal tuo lungo viaggio, verrò a prenderti al treno, avrò tanta paura, vedrò se i tuoi occhi saranno ancora i tuoi occhi, il tuo collo il tuo collo, se tutto di te sarà sempre te o se avrai… Continua a leggere →

Piccola cicatrice

Pensi che non ti pensi invece ti penso forse meno di un tempo, eppure ti penso ancora ogni volta che mi ritrovo, stupito a usare un modo di dire che non conoscevo che un tempo sentivo usare da te, se… Continua a leggere →

Ancora credevo

I poeti sanno i nomi di tutte le piante son botanici esperti. Di rado dicono fiore. Preferiscon li sentiate dire giacinto narciso elicriso agapanto. Han bisogno di precisione. Per scriver poesie, alcune di queste nozioni ho dovuto acquisirle anche io,… Continua a leggere →

Trilogia dei miei vicini

1 Nel caldo spalancato delle finestre estive a me si rivela la vita dei miei vicini.

« Articoli precedenti Articoli seguenti »

© 2020 la fabbrica delle nuvole — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑